Skip to Main Content »

Search Site

Benvenuto nel sito!

Il tuo carrello é vuoto

La fuga delle Alpi

Una fiaba per il "Cermis"



Fai una recensione del prodotto

€ 14,00
Correva l’anno 1998. Un aereo da guerra americano, il caccia chiamato “Prowler”, “Predatore”, eseguiva in Trentino le sue esercitazioni a bassa quota nella Valle di Fiemme, precisamente a Masi di Cavalese. La popolazione aveva da tempo protestato... Allora il Governo italiano aveva imposto ai piloti di non scendere sotto i 1000 metri nella valle. In realtà, pur possedendo le cartine con l’indicazione della funivia del Cermis, i piloti americani volavano sotto i cavi della stessa, quasi per gioco. La tragedia era prevedibile, ma non fu evidentemente evitabile.
Il 3 febbraio di quell’anno, l’aereo tranciò col suo volo radente quei cavi e 20 umani innocenti morirono. Unico testimone la Natura silenziosa circostante.
Si pianse molto per le povere vittime, ma la Natura come sempre fu ignorata. Essa non viene mai interpellata dagli umani, ma usata e sottomessa al loro volere.

Per la prima volta, questa toccante fiaba, arricchita da preziose illustrazioni, tenta di spiegare ai più piccoli, ma anche agli adulti, l’assurdità di una tragedia simile, ma soprattutto l’idea che la Natura possa in qualche maniera ribellarsi e reagire in modo forte e deciso.
“La fuga delle Alpi” trasmette in modo unico e originale certe tematiche fondamentali per la tutela del territorio montano, a noi così caro, e vuole accompagnare bambini, ragazzi e adulti verso una nuova sensibilità ambientale immedesimandoli nei protagonisti della fiaba.
Ogni bambino diventa così un potenziale salvatore della Natura e, quindi, del mondo.

Le tavole in bianco e nero di china di Anita Anibaldi, così ricche di particolari, sono proposte anche per essere colorate dal piccolo lettore.

Buona lettura, dunque, a grandi e piccini…

La fuga delle Alpi




Informazioni aggiuntive
Autori Anibaldi Anita
ISBN 978-88-6876-133-2
Formato 21x21
Pagine 56