Skip to Main Content »

Search Site

Benvenuto nel sito!

Il tuo carrello é vuoto

Bottega d'artista 2

Settanta nuovi profili di pittori e scultori trentini



Fai una recensione del prodotto

Prezzo copertina: € 24,00

Prezzo scontato: € 21,60

Con questo lungo viaggio, prezioso a tutti gli effetti, frutto di certosina ed esperta perlustrazione tra artisti e artiste del Trentino, compiuta per la rivista “TrentinoMese”, Renzo Francescotti ci offre una panoramica su settanta artisti ed è la seconda volta, per un totale di centoquaranta artisti che operano in una terra, apparente periferia dell’impero, anche delle arti. E dico apparente, dunque non reale, partendo proprio da questo numero così ragguardevole e significativo di persone che in questa terra dedicano parte o gran parte della loro vita all’avventura artistica. No, il Trentino, per quanto piccolo, non è affatto periferia, nel senso limitante che è diffuso, basterebbe pensare alla sua offerta museale d’eccellenza, unica in Italia, anche se è provincia, con quel che di riduttivo , è ovvio, ma contemporaneamente di esclusivo da una parte e accogliente dall’altra, il termine riesce ad evocare. Resta territorio ricco di protagonismi creativi aperti sul mondo, aiutati, favoriti da un clima generale nel quale le istituzioni ad ogni livello operano attivamente e con prestigio riconosciuto nel campo dell’arte e più in generale dei beni culturali.
Renzo Francescotti è figlio di questa feconda cultura, alla crescita della quale ha dato negli anni un contributo significativo ed originale in molti campi e non si smentisce certo con questi ritratti d’artista che si susseguono negli anni 2010-2015.
Ogni “ritratto” nasce da uno o più incontri con l’artista nel suo studio e prende vita attraverso un approfondimento sia biografico che tecnico, umano e culturale, portando in superficie storie personali, influenze, simpatie estetiche, aspirazioni ed ossessioni. Ritratti di donne e di uomini che hanno trovato nell’arte quel demone che li accompagna e che li salva nelle tempeste della vita. E quello che colpisce nella lettura è il lessico tutt’altro che “critichese” di Francescotti, l’esposizione semplice e comprensibile, la narrazione scorrevole che veramente fa incontrare il personaggio e permette utili conoscenze anche ai cosiddetti non addetti ai lavori.
Settanta sono tanti eppure in ognuno, in ognuna Francescotti è alla ricerca testarda ma felice dell’originalità possibile, di quel tesoro che è solo dì quello scultore o di quella pittrice. “A ciascuno/a” il suo con simpatia, ma anche con rigore, sottolineando sempre con soddisfazione il piccolo miracolo della creatività individuale, rimarcando filiazioni e influssi, inevitabili e puntualizzando, se necessario, sui limiti, oggettivi o soggettivi che siano.
Walter Benjamin ci lasciato tra gli innumerevoli ragionamenti sull’arte che hanno riempito la sua vita tormentata questo che ben si addice al modo di procedere del pensiero critico di Renzo Francescotti: “Uno dei compiti principali dell’arte è sempre stato quello di creare esigenze che al momento non è in grado di soddisfare.”
Infatti Francescotti si avvicina ad ogni creazione artistica con quel moto particolare dell’anima che gli permette di scorgere nella visione che ha davanti agli occhi un tentativo più o meno riuscito di immaginare dentro il mondo com’è un altro mondo come potrebbe essere e questa immaginazione si nutre continuamente di una spietata analisi dell’attualità e di una altrettanto forte speranza di cambiamento.
L’arte è una sorta di messaggero di questo processo che è individuale mentale, ma è anche collettivo, sociale. I settanta di questo volume che vanno ad aggiungersi agli altri settanta che li hanno preceduti sono la piccola-grande schiera dei messaggeri in terra trentina e costituiscono uno spaccato non solo dell’arte ma pure della società. (Mario Cossali)

Bottega d'artista 2




Informazioni aggiuntive
Autori Francescotti Renzo
ISBN 978-88-6876-095-3
Formato 23x28
Pagine 160